Il Lunedì dell’Inquilino

Aggiornato il: apr 19

Torneranno gli abbracci di Daniele Coscarella

Quindi se tutto andrà bene dopo Pasquetta usciremo un pò alla volta, non si capisce se per mantenere le distanze o perchè saremo talmente gonfi che faremo fatica a riconoscerci.

Io non lo so se voglio uscire, ho voglia di abbracciare tutti indistintamente: l’amico, il pizzettiere, il fruttivendolo…ma se poi si scansano? E se ci sarà lontananza? E se usciamo tutti con le mascherine a “scafandro“? E se ti guardano male perchè hai la mascherina non omologata? E se ti tamponano?

La verità è che a casa sto bene. Mi alzo tardi, lavoro senza stress, mangio, faccio tardi la sera senza l’ansia che poi la mattina sono gonfio.

Si certo mi mancano gli amici, ma in questo momento c’è una socialità tale che ormai non ho più segreti. Mi hanno visto in mutande, in pigiama, nel letto…stiamo più in diretta noi che Conte!

Mi affaccio dalla finestra e respiro, la natura sa quello che deve fare, non ha mica bisogno di noi, siamo un ostacolo. L’altro giorno sono uscito per andare a trovare mia madre. Ho attraversato Roma, sembrava una poesia, bella come non la ricordavo. Sul Lungotevere ho visto camminare dei faggiani sul marciapiede…C’era un merlo che giocava a briciole con un gatto e un passero che cantava Ciumachella. Ho visto attraversare muffloni, cinghiali e dinosauri.

Dal balcone di casa ho visto dei topi enormi rincorrersi felici senza lo stress di doversi nascondere dai Gabbiani e un attimo dopo vederli rovistare tutti insieme tra i secchi della mondezza…

Allo zoo di Hong Kong, due panda giaganti, si sono accoppiati dopo 10 anni? Non è meraviglioso tutto ciò?

Ma guardiamoci, io non vi vedo male: facciamo ginnastica tutti i giorni, sperimentiamo qualsiasi forma di cibo, siamo diventati un Bimbi tritatutto, leggiamo e guardiamo film. Ecco forse dopo quattro settimane, siamo finalmenti rallentati, pensate che il mio commercialista ha scoperto durante la quarantena di avere una famiglia…

I bambini potrebbero essere un problema lo so…! Per fortuna c’è la settimana gratuita della Disney.

Guardatevi intono di cosa abbiamo bisogno? Casa nostra è diventata in ordine: un teatro, una sala cinama, una cucina di un ristorante, una sala meeting, sala prove, palestra…

E pensare che tutto questo tra una ventina di giorni finirà…beh un pò mi preoccupa.

Siamo noi il male…

E allora usciamo con calma, un pò alla volta non tutti insieme,

Torneranno gli abbracci e nel frattempo di sguardi strapazzami.


115 visualizzazioni